Rapporto Clusit 2024



 
Rapporto Clusit 2024

Il Rapporto inizia con una panoramica degli incidenti di sicurezza più significativi avvenuti a livello globale (Italia inclusa) nel 2023.

Con 2.779 incidenti gravi analizzati a livello globale, il 2023 restituisce una fotografia nettamente peggiorativa rispetto ai dodici mesi precedenti, continuando a descrivere una curva degli attacchi in inesorabile crescita, che registra un +12% sul 2022. Mensilmente, è stata rilevata una media di 232 attacchi, con un picco massimo di 270 nel mese di aprile, che rappresenta anche il valore massimo misurato negli anni. Nell’81% dei casi la gravità degli attacchi è elevata o critica, secondo la scala di “severity” utilizzata dai ricercatori di Clusit che si basa sulla tipologia di attacco e sugli impatti.

In questo contesto, il nostro Paese appare sempre più nel mirino dei cyber criminali: lo scorso anno in Italia è andato a segno l’11% degli attacchi gravi globali mappati dal Clusit (era il 7,6% nel 2022), per un totale di 310 attacchi, dato che marca una crescita del 65% rispetto al 2022. Oltre la metà degli attacchi – il 56% – ha avuto conseguenze di gravità critica o elevata. Con uno sguardo agli ultimi cinque anni, emerge inoltre che oltre il 47% degli attacchi totali censiti in Italia dal 2019 si è verificato nel 2023.

Ci siamo avvalsi anche in questa edizione dei dati relativi agli attacchi in Italia rilevati dal Security Operations Center (SOC) di FASTWEB.

L’analisi degli attacchi in Italia è poi completata dalle rilevazioni e segnalazioni della Polizia Postale e delle Comunicazioni, che ci hanno fornito dati e informazioni estremamente interessanti su attività ed operazioni svolte nel corso degli ultimi 12 mesi.

Presentiamo a questo punto l’abituale capitolo dedicato al settore FINANCE, con un’analisi sul Cyber-crime nel settore finanziario in Europa, a cura di IBM.

Segue un approfondimento sulla Cybersecurity in Sanità: tra aumento degli attacchi e innovazioni normative e tecnologiche, realizzato dalle Women for Security.

Ed anche quest’anno presentiamo i risultati di una survey realizzata da Netwrix, che ha intervistato 1.610 professionisti IT provenienti da 106 paesi sulle tendenze della Hybrid Security per il 2024.


Questi sono infine i temi trattati nella sezione FOCUS ON:

  • • Il mondo della sicurezza delle Identità, a cura di RSA Security Italia
  • • Attività della Task Force Cisco Talos in difesa dell’Ucraina, a cura di Cisco
  • • Secure Access Service Edge (SASE), a cura di Fortinet
  • • Cloud adoption e superficie d'attacco: aumentare la visibilità e la protezione contro gli attacchi nell'infrastruttura e nelle applicazioni cloud, a cura di Crowdstrike
  • • Costruire la cyber resilience per la Space Economy, a cura di Federica Maria Rita Livelli
  • • CSIRT Network: Incident Response per una Crisis Management di successo in un Contesto Internazionale, a cura di NTT Data
  • • Intelligenza Artificiale e Automazione: le chiavi per rivoluzionare il SOC, a cura di PaloAlto Networks.
  • • La Sicurezza dei sistemi di acquisizione e stampa, a cura di ASSOIT.
  • • Attraverso il tunnel del cambiamento: l'evoluzione della connessione sicura da VPN a ZTNA, a cura di HPE Aruba Networking.
  • • Strategie di data security nell’era dell’AI Generativa, a cura di Microsoft.
  • • Sviluppo sicuro del codice software, a cura di Roberto Obialero.

 
Scarica il Rapporto Clusit 2024 (PDF – 10,1MB)

Hai problemi a scaricare il file? Mandaci una mail


A seguito del Security Summit – Energy & Utilities 2024 è stato pubblicato un ulteriore addendum al rapporto aggiornato al Q1 2024: il Rapporto Clusit Energy & Utilities 2024
In occasione del Security Summit di Roma, sono stati pubblicati altri due addendum:
Rapporto Clusit Healthcare 2024 e Rapporto Clusit Italia e Pubblica Amministrazione 2024


I rapporti precedenti sono disponibili nella pagina Pubblicazioni, all’interno della sezione Rapporti Clusit.

Se vuoi ricevere la newsletter mensile, iscriviti qui.

Se sei un giornalista e ti interessano approfondimenti e/o contatti con gli autori del rapporto, puoi rivolgerti al nostro ufficio stampa.