Caricamento Eventi

Il 22 settembre 2020 dalle 11 alle 12 verrà trasmesso in diretta l’Atelier tecnologico: “Il Cyber Crime ripaga bene“.


Di cosa si parlerà:

Attraverso il ransomware i cyber criminali si impossessano di qualcosa di molto importante: i dati posseduti dall’azienda. E con questi dati si può ottenere un riscatto, ma anche la possibilità di fingersi qualcun altro e accedere a conti correnti bancari online e altri servizi. Il ransomware è evoluto negli anni, si è passati dalla prima ondata (2016-2017) che prendeva di mira il più alto numero di persone, alla versione più recente che prende di mira aziende specifiche, su cui gli aggressori hanno lavorato per settimane o mesi per ottenere l’accesso, distribuendo il ransomware su molti computer interni. Nel gennaio 2020 il ransomware Maze oltre a limitare l’accesso al computer e/o ai documenti, ha trasmesso alcuni dei dati a una sorta di sistema di controllo: è nato un altro modello di business: la vendita dei dati rubati. Cosa fare? Fortunatamente le basi della cyber sicurezza ci vengono in aiuto: sicurezza stratificata. Le aziende devono mettere in sicurezza i propri gateway con next-gen antivirus, intrusion prevention, DNS e URL filtering, e deep packet inspection. Le credenziali devono essere messe in sicurezza attraverso multifactor authentication e gli endpoint devono avere soluzioni EPP e EDR aggiornate. La Data Loss Prevention (DLP) è da ultimo un sistema sempre valido. Parleremo di ransomware e di come difendersi efficacemente


I relatori

Luca Bechelli, Comitato Scientifico Clusit
Ivan De Tomasi, Country Manager di WatchGuard Technologies Italia e Malta


La partecipazione è gratuita previa iscrizione obbligatoria.
L’Atelier, se seguito in diretta e nella sua interezza, dà diritto a 1 credito CPE. Gli attestati saranno inviati, per email, solo a chi ne farà richiesta a attestati@clusit.it.
 
Maggiori informazioni ed iscrizioni sul sito dell’evento.